Oslo, la rivendicazione corre via Twitter

22 Lug

La notizia fa presto il giro del Web. La rivendicazione dell’attentato a Oslo spetta ad un’organizzazione jihadista chiamata Helpers of the Global Jihad. Un messaggio, confermato dalle autorità, che è stato pubblicato a ridosso dell’esplosione su alcuni forum. La parte centrale del messaggio afferma che “questo è solo l’inizio”. Il post, che si può trovare integralmente sul sito Jihadica,  è stato inviato da Abu Sulayman al-Nasir al forum “Shmukh” di jihadisti arabi. Shmukh è il principale forum in lingua araba che sostiene i jihadisti di Al-Qaeda. Da qualche ora è inaccessibile ma molti hanno già fatto in tempo a copiare il messaggio e postarlo su altri blog. Su Twitter l’argomento # Shmukh è balzato ai primi posti per essere il più citato dagli utenti. Si mobilita anche il resto del Web: su Google Earth le foto e i luoghi dell’attentato.

Combattere la malaria in tempo reale

12 Giu

Se i medici dei paesi in via di sviluppo potessero seguire l’evoluzione di un focolaio di malaria in tempo reale, potrebbero rapidamente circoscrivere la diffusione della malattia, rendendo sicure zone a rischio con zanzariere e sistemi di protezione adeguati. Ed è proprio questo l’obiettivo della partnership di Hp con Ping (Positive Innovation for the Next Generation), l’organizzazione mondiale che aiuta a trasformare le nuove tecnologie in strumenti di self care per paesi dell’Africa e di altre zone del mondo.
Continua a leggere

Potere agli smartphone: le 5 ragioni del successo

7 Mag

Che si tratti di scaricare l’ultimo album dell’artista preferito o il numero del proprio quotidiano su iPad, gli utenti utilizzano sempre di più dispositivi mobili nelle attività quotidiane. Lo svela una ricerca di Mygazines sui contenuti utilizzati dagli utenti in mobilità. Le statistiche di accesso ad Internet dicono che ci sono più utenti che utilizzano un browser da iPad che da un Pc con sistema Linux, questo la dice lunga visto che Linux ha avuto 20 anni per sviluppare un utenza desktop, l’iPad poco più di uno. Ecco i motivi del successo dei contenuti mobili, secondo Mygazines.

Continua a leggere

La via libanese alla Pace

10 Apr

Ci sono italiani in Libano che lavorano per uno stato che non si sente in guerra, anche se al confine non la pensano così.

Nel centro del Libano un gruppo di volontari ha fondato l’associazione “Oui pour la vie” legalmente riconosciuta e operante principalmente nella periferia di Beirut. Lo scopo è quello di permettere alla popolazione del Libano di vivere un po’ meno con la paura che si respira al confine, dove lo scontro con Israele può scoppiare in qualsiasi momento. Continua a leggere

Rivoluzioni e social media, le regole per postare in sicurezza

28 Mar

L’organizzazione mondiale Access ha elaborato un documento per consentire ai cittadini del Medio Oriente e del Nord Africa di comunicare on-line proteggendo le proprie identità. Visti i disordini civili che impazzano i cittadini più attivi si rivolgono ai social media come unica fonte di sbocco per far sentire la loro voce non solo attraverso foto e video ma anche solo testualmente.
Continua a leggere

Su “Google Finder” una finestra per cercare i famigliari dispersi

11 Mar

[La Stampa, 11 Marzo 2011]


ANTONINO CAFFO


Solo qualche giorno fa avevamo parlato di Google Finder, lo strumento che Google aveva messo al servizio dei famigliari dei dispersi dopo il terremoto di Christchurch in Nuova Zelanda. Poche ora fa un terremoto di dimensioni mai viste ha raso al suolo interi quartieri (prefetture) della costa nord orientale del Giappone. Anche in questo caso Google si è fatta avanti offrendo l’aiuto di Person Finder. Fino a ieri il servizio era esclusivamente in inglese. Da ora invece la prima pagina si apre automaticamente in giapponese per dare priorità alle richieste di aiuto di dispersi e di segnalazioni dei nomi dei superstiti che in qualche modo sono riusciti a raggiungere un internauta. Ovviamente è possibile optare per la lingua ingelse cliccando “English” nella barra superiore della pagina. Al momento i dati inseriti (sia di persone segnalate disperse che “ritrovate”) sono più di 7200. La cifra, vista la mole della tragedia, è destinata a crescere.

Contemporaneamente alla messa online del Finder per il Giappone, Google ha attivato un “centro di crisi” online, molto più dettagliato rispetto al disastro in Nuova Zelanda. Il sito “Google Crisis Response” rappresenta davvero una risorsa fondamentale per avere informazioni sullo stato in cui si trovano le zone colpite. Di particolare importanza la sezione dei bollettini ufficiali, lo stato dei treni e quello sul funzionamento delle centrali energetiche. La stessa Google ricorda che, dati i tempi molto ristetti, non verificherà l’esattezza dei dati inseriti, si appella quindi alla coscienza e allo spirito di collaborazione di chi può davvero aiutare i migliaia di disperati.

Ma è tutto il mondo della tecnologia a mobilitarsi per il Giappone ferito. Nelle ultime ore i più importanti portali e social network si sono mobilitati per dare una mano a chiunque volesse avere notizie su amici, cari, e conoscenti che si trovano nei luoghi del terremoto. In particolare su Youtube si possono giù trovare molti video amatoriali e chiunque abbia bisogno di aiuto (e sia in condizioni di avere accesso al Web) può postare un video per indicare dove si trova facilitando i soccorsi. Molto frenetica l’attività di Twitter, dove nelle ultime ore sono arrivati più di 1200 messaggi provenienti da Tokyo e dai territori circostanti.

Adesso tutto cambia. Di nuovo. Ma anche no

4 Mar

Diciamocelo: la pietra miliare è stato l’iPad (1) e l’impatto che ha avuto sullo sviluppo digitale della società è, tuttora, ineguagliabile.

Seppur migliorato in tanti aspetti (anche se qualcuno dice pochi) la second coming non è la revolution che molti si aspettavano. Ma come si può migliorare un prodotto di per sè poco migliorabile? Ecco allora piccoli aggiustamenti, aggiornamenti hardware e software, e una più alta velocità di calcolo.


Qualcuno in Rete parla di delusione, chissà cosa si aspettavano, qualcuno parla di un iPhone 4 ma più grande. Tutte critiche fattibili. Fattibili per un non conoscitore dei fatti. l’iPhone 4 non ha un processore dual core A5, l’iPhone 4 non ha uno schermo Led con tecnologia Ips, l’iPhone 4 non ha l’uscita Hdmi, l’iPhone 4 non è l’iPad 2.


Se avete tempo leggete la storia della bicicletta, considerata da più parti il primo gradino dello sviluppo tecnologico. Prima una grande ruota anteriore, poi le rotelle di sostegno, poi il velocipide da corsa, le mountain bike e le super leggere. Una prima rivoluzione (come l’iPad) e tanti piccoli miglioramenti (come l’iPad 2) che non fanno clamore ma che, a mio personale parere, faranno vendere. E tanto.

Niente colpi di scena a San Francisco. La sorpresa semmai è stata un’altra. E’ stata vedere Steve Jobs sul palco. L’uomo delle rivoluzioni è ancora in piedi. Questo è l’importante.

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.